Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Magazine online di Orzinuovi

Bassa Voce

Scritto da

Padernello a tavola - un percorso enogastronomico suggestivo anche sotto la pioggia

Ottobre 10 2017
Padernello a tavola set 2017 Padernello a tavola set 2017 Alessia gatti

Non c’è maltempo che tenga: Padernello a tavola si rivela sempre un percorso enogastronomico piacevole e suggestivo, un itinerario alla scoperta dei sapori e dei profumi dei migliori prodotti del nostro territorio.

Ieri, 15 settembre 2017, sotto una leggera pioggia e un clima dai toni tipicamente autunnali, si è svolta una nuova edizione di questa speciale e gustosa forma di raccolta fondi, che altro non è che una cena itinerante per i ristoranti del borgo di Padernello. Parte dell’incasso percepito dalla vendita delle cartelle sarà infatti destinato al finanziamento dei lavori di ristrutturazione di una parte del Castello di Padernello, cuore storico e architettonico di questo piccolo borgo gourmet.

La pioggia ha comportato solo alcune modifiche logistiche: l’aperitivo anziché svolgersi davanti a La dispensa è stato servito sotto il portico del Ristorante La bianca e il secondo anziché essere consumato presso il Ristorante Aquila Rossa è stato gustato sulle ampie tavolate ben apparecchiate direttamente in Castello.

Per questa edizione autunnale le degustazioni di vini erano di cantine facenti parte del Consorzio Valtènesi, un avamposto mediterraneo sulle rive del Lago di Garda, a ridosso dei rilievi alpini, dove ha la sua patria naturale il vitigno Groppello.

Ad accompagnare l’antipasto si poteva scegliere tra Chiaretti del Garda di diverse cantine. Con il primo presso la Locanda del Vegnot, era il Groppello a farla da padrone. Con il secondo invece i ristoratori hanno pensato di servire del rosso ottenuto da un misto di Groppello, Marzemino e Barbera.

Al termine della degustazione era possibile accedere alla mostra allestita al piano superiore del Castello, dedicata al periodo francese di Ettore Donini, pittore post impressionista nativo di Corticelle di Pieve. I quadri erano esposti all’interno di teche di legno sormontate da una struttura illuminata che dava l’impressione di camminare sotto un cielo stellato. Un vero lieto fine per un evento che associa cultura culinaria, vinicola e artistica.

Etichettato sotto

About

  • Chi è Communitas? Anzi chi siamo? Siamo una Associazione Culturale che cerca di fare girare un po’ di idee per la Bassa Bresciana.

    Leggi tutto...

Redazione

Communitas Associazione Culturale

Cell: +39 3397545417

Cell: +39 3396344517

scrivici una mail