Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Magazine online di Orzinuovi

Bassa Voce

Scritto da
in ARTE

PORTRAITS SONCINESI IN MOSTRA ALLA FILANDA DAL 13 AL 22 MAGGIO

Maggio 04 2016

Giunge alla sua XI edizione la rassegna La ricchezza della differenza, progetto a cura di un pool di associazioni soncinesi, tra cui il Circolo Culturale Argo, le ACLI, l'Oratorio, la Croce Verde, il Quartier Brolo, la Caritas. Quest’anno porteranno in mostra alla Ex Filanda 40 Portraits soncinesi, ossia 40 volti di persone residenti a Soncino, ma per la maggior parte di origine straniera.


I visi immortalati dagli scatti di dilettanti fotografi, seguiti e guidati dalla regia professionale del circolo Cine Foto Club Nuove Frontiere sono molto intensi ed espressivi, raccontano storie che sembrano risalire ai tempi dei tempi e arrivare da molte parti del nostro vasto mondo. Lineamenti di donne e uomini di origine belga, francese, indiana, albanese, brasiliana, ecc… si mescolano a quelli di soncinesi d.o.c. immortalati da coinvolgenti istantanee che li ritraggono in tutta la loro vitale spontaneità. E intessono un dialogo tra di loro e con chi guarda, che parla di tratti comuni, più che di differenze.

In fondo che cosa è la diversità, se non un arricchimento nella monotonia monocroma dell’omogeneo, dell’uguale. Quanto si impreziosisce di colori, di suoni, di sapori e di odori un territorio i cui abitanti hanno volti e occhi che parlano di culture eterogenee, di storie e tradizioni che sanno infittire la trama del vivere quotidiano, anziché impoverirla? E qual è il modo migliore di vivere la differenza se non lasciare che essa eserciti e sprigioni tutto il suo fascino esotico, anziché resisterle per paura e diffidenza? La ricchezza di un territorio e di una civiltà passano anche attraverso l’integrazione dei non indigeni, dei non autoctoni. Un paese accogliente sa fare tesoro di quanto arriva da altre tradizioni, così come i nostri illustri antenati romani hanno saputo accogliere genti straniere. Ed è altrettanto importante che un forestiero sappia adattarsi allo stile di vita del luogo dove decide di trascorrere la propria vita, per un periodo di tempo breve o lungo. Gli occhi che ammiccano dagli scatti dei Portraits soncinesi parlano di una storia di incontri tra culture in cui la singolarità viene esaltata nella mescolanza. Nell’integrazione paradossalmente ogni differenza viene esaltata esponenzialmente.

La mostra verrà inaugurata venerdì 13 maggio alle ore 21:00 presso la sala mostre della Ex Filanda in Largo Cattaneo a Soncino -CR-. Durante il Vernissage verrà proiettato un file audiovisivo che documenta tutte le fasi della realizzazione del progetto, dalla scelta del tema, alle riprese fotografiche, alla cernita degli scatti migliori, fino all’allestimento. La serata sarà inoltre allietata da un reading di poesie.

La mostra sarà aperta al pubblico il sabato e la domenica dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 15:00 alle ore 19:00. Il Finissage per la chiusura si terrà domenica 22 maggio alle ore 21:00. Sarà una serata di festa grazie alla musica del Quintetto di Ottoni della Banda Civica, ai balli caraibici del Gruppo Aquarela e alle danze tradizionali proposte da ballerine indiane.

Ultima modifica il Giovedì, 02 Giugno 2016 10:39
Download allegati:

Redazione

Communitas Associazione Culturale

Cell: +39 3397545417

Cell: +39 3396344517

scrivici una mail

Newsletter